Una carbonara alternativa

a cura di Pierangelo Piccolo | febbraio 14 | sfoglia l'archivio della rubrica
Una carbonara alternativa

Una carbonara alternativa  (by Chef Luis)

La tradizione culinaria italiana ha i suoi cavalli di battaglia. Tra questi sicuramente possiamo annoverare la carbonara. E se provassimo ad apportare qualche modifica, rendendola più fresca ed attuale?

Sostituiamo i classici bucatini (o spaghetti), con delle tagliatelle, aggiungiamo asparagi, panna e brodo vegetale ed il gioco è fatto.

Ingredients  4 persone

200g di pancetta dolce in dadi;  400g di asparagi;

30 ml di latte;  2 uova;

scalogno ( o cipolla);   2 cucchiai di panna da cucina;

350 g di tagliatelle all’uovo;   2 mestoli di brodo vegetale;

sale, pepe nero, olio extravergine di oliva Q.B. ;

Directions

Scaldare in una padella a fondo alto l’olio e aggiungere scalogno ( o cipolla) tagliato finemente. Soffriggere a fuoco dolce per qualche minuto, aggiungendo la pancetta a dadini. Unire gli asparagi a tocchetti, salare leggermente e cuocere il tutto per circa 10 minuti, trascorsi i quali  versare 2 mestoli di brodo vegetale.

Cuocere le tagliatelle in una pentola con abbondante acqua salata. Trascorsi un paio di minuti, aggiungere in padella un composto di latte e panna . Quando le tagliatelle saranno ancora molto al dente,  scolarle e saltarle in padella, alzando la fiamma e aggiungendo le 2 uova sbattute in maniera omogenea, cuocendo tutto per un altro minuto.

Impiattare aggiungendo pepe nero. 

Buon appetito bella gente, alla prossima ricetta.
Volete sapere che vino abbinare a questo piatto? Seguite qui di seguito i consigli del nostro sommelier Michele Lacerenza from Dubai.

"Le caratteristiche che spiccano in questo piatto sono senz'altro la tendenza dolce dovuta alla pasta ed all'uovo con una sufficiente sensazione di grassezza (sicuramente meno percepibile che nella ricetta classica), a cui si aggiunge una leggera percezione amarognola e speziata (dipende da quanto vi piace il pepe). 

I vini da abbinare dovranno essere freschi con una buona acidità, non molto aromatici e di corpo leggero/medio. Il vino bianco, in particolar modo il Frascati superiore, è molto indicato anche in questa rivisitazione del piatto classico, sebbene il mio consiglio cada su un buon Greco di tufo, che ha solitamente un po' più di acidità e persistenza in bocca. Agli amanti del rosso consiglio un vino giovane e fresco, di medio corpo e poco tannico come un Freisa della Val d' Aosta o un Pinot noir non elaborato. 

Scegliete il vostro vino con cura ed attenzione. Vi ricordo che il prezzo troppo basso non garantisce qualità e quello troppo alto segue spesso logiche di marketing. Consultate pure il web. E’ una buona fonte di notizie sulla storia dei vari produttori. 

Salute :)

Copyright © 2009-2014 Zeroassoluto - La guida web del tuo tempo libero - Testata n.5/05 registrata presso il Tribunale di Trani il 21/04/05 - Tutti i diritti sono riservati - P.I. 06295250721