Pura anarchia Woody Allen

a cura di Francesca Barracchia | luglio 12 | sfoglia l'archivio della rubrica
Pura anarchia Woody Allen
Miei carissimi lettori,questo autore,non ha bisogno di presentazioni, essendo la sua fama planetaria ed il suo genio indiscusso.
Il nostro celeberrimo Allen torna alla narrativa dopo 25 anni,prendendo spunto da quel concentrato di anarchia che è la vita quotidiana,con i suoi episodi curiosi,insoliti o banali,occasione di irresistibili parodie. La penna di Woody non fa prigionieri,crea situazioni esilaranti che hanno per protagonisti i più classici personaggi alleniani:
inetti,cialtroni,mediocri, ma sempre profondamente e miseramente umani.
Tante storie:un musical ambientato nella Vienna di Freud,un attorucolo scambiato per una star di Hollywood e rapito da un terribile bandito,un novello Proust costretto a sbarcare il lunario scrivendo preghiere da vendere su eBay,e tanto altro ancora.
Il New York Times scrive: “I testi comici di Allen,al pari dei suoi film sono un fuoco d’artificio di invenzioni,variando tono e argomento ma con lo stesso sguardo unico ed irripetibile”.
Vi lascio con una delle sue:
”Quello che so della fisica è che per un uomo sulla spiaggia il tempo scorre più in fretta che per un suo simile su una barca. Specialmente se l’uomo sulla barca è in compagnia della moglie.”
Copyright © 2009-2014 Zeroassoluto - La guida web del tuo tempo libero - Testata n.5/05 registrata presso il Tribunale di Trani il 21/04/05 - Tutti i diritti sono riservati - P.I. 06295250721