Social come una formica

a cura di Francesco Balacco | ottobre 12 | sfoglia l'archivio della rubrica
Social come una formica
Zampettano, cercano cibo, lavorano, mettono da parte scorte per l’inverno, si muovono su e giù senza sosta, numerosissime. Comunicano tra di loro, fanno lavoro di squadra; sono formiche. Non è necessario essere esperti di entomologia per rendersi conto della straordinaria capacità di questi minuscoli insetti di comunicare fra loro. Ebbene i ricercatori dell’Università di York hanno deciso di studiarli da un’insolita prospettiva. Gli studiosi britannici stanno infatti paragonando le reti sociali che si creano all’interno dei formicai con quelle che si generano in ambiente social tra esseri umani. Ad un campione di formiche è stato applicato uno zaino trasmettente che consentirà di mapparne lo spostamento. In particolare, sarà possibile osservare come le informazioni di pericolo o raccolta cibo si diffondono all’interno del formicaio; l’ipotesi è che la logica comunicativa degli insetti si avvicini a quella “a grappolo” della comunicazione 2.0, si pensi a microblogging come Twitter. Una formica da sola non sopravvivrebbe: non ne avrebbe né la forza, né l’intelligenza necessarie ad affrontare le insidie esterne. Così il formicaio trae dall’unione la sua forza, rappresentando un’ “intelligenza collettiva”, per dirla alla Levy.
Copyright © 2009-2014 Zeroassoluto - La guida web del tuo tempo libero - Testata n.5/05 registrata presso il Tribunale di Trani il 21/04/05 - Tutti i diritti sono riservati - P.I. 06295250721