Cibo a Regola d'Arte

a cura di Francesca Dargenio | settembre 14 | sfoglia l'archivio della rubrica
Cibo a Regola d'Arte
Cibo a Regola d'Arte” è un percorso dentro la cultura del cibo, alla scoperta e riscoperta di sapori, gusti, profumi, territori, storie e tradizioni. Amo cucinare il riso perché per me è un foglio bianco su cui si può scrivere con qualsiasi colore, e il colore viene dato di volta in volta da un ingrediente di stagione. 
Così lo stellato chef del D&O, Davide Oldani, interpreta uno degli alimenti più tradizionali della cucina milanese, durante la manifestazione Cibo a regola d’arte, presso il palazzo della Triennale. Perché, nella “dispensa” del suo vocabolario, immaginazione, creatività e visione sono ingredienti che si sposano con il passato della terra. 
Dal 1574 ad oggi, la storia del risotto allo zafferano rivive nei canti delle mondine intente al raccolto e si contamina con la cultura pop del colore applicata al cibo, introdotta dal poeta dei sapori. Si è gourmand come si è artista o poeta, sosteneva Guy de Maupassant. Concetto che Oldani applica non solo al cibo ma anche alla vita. 
Non c’è una ricetta da seguire alla lettera, nella vita come in cucina: si va un po’ ad occhio con gli ingredienti, cercando di mescolare insieme gli elementi giusti. è attraverso questo processo di unione tra cuore e palato che lo chef di Cornaredo riesce a sublimare il riso, nella più conosciuta delle ricette.
Copyright © 2009-2014 Zeroassoluto - La guida web del tuo tempo libero - Testata n.5/05 registrata presso il Tribunale di Trani il 21/04/05 - Tutti i diritti sono riservati - P.I. 06295250721