La leggenda di Ettore

a cura di Francesca Dargenio | giugno 14 | sfoglia l'archivio della rubrica
La leggenda di Ettore
Che la leggenda del grande Cavaliere Ettore Fieramosca sia un importante pezzo di storia della nostra Puglia è innegabile, come è anche innegabile che ogni bambino barlettano avrà fantasticato almeno una volta nella vita di poter essere forte e famoso come il popolare eroe. Riepiloghiamo la parte della leggenda a noi tutti conosciuta. Agli inizi del 1503, mentre si trovava tra gli assediati nella città di Barletta, partecipò al famoso duello tra cavalieri italiani e francesi. In sintesi mentre i francesi raggiungevano i quartieri d'inverno la ritirata delle truppe verso Canosa avvenne in modo disordinato e con lentezza. Prospero Colonna, con il sostegno di alcune schiere spagnole e italiane, assalì la retroguardia francese; i moltissimi prigionieri presi nell’azione furono condotti a Barletta. Tra questi c’era Charles de la Motte, un orgoglioso cavaliere, il quale, in un banchetto, accusò gli Italiani di essere vili e privi di coraggio. Le parole del francese scatenarono il duello ed il 13 febbraio del 1503 i due eserciti si schierarono tra Barletta, Quadrata ed Andria. L’epilogo vide i francesi sconfitti mentre l'episodio della disfida di Barletta venne idealizzato nel 1833, a fini patriottici, da Massimo D’Azeglio nel romanzo Ettore Fieramosca, eroe di quel duello. E’ proprio secondo D’Azeglio che l’eroe della Disfida, quando morì la sua diletta Ginevra, stretto dal dolore, si allontanò tra i boschi del Gargano. Dopo un po’ di tempo alcuni pastori del Gargano narrarono ad alcuni passanti, che in una notte di tempesta, avevano visto un cavaliere che si era gettato con il suo cavallo da un monte del Gargano nel mare. Dopo un po’ di tempo dei pescatori videro tra gli scogli della ferraglia corrosa dal mare, con delle ossa e la carcassa di un cavallo. Doveva essere Ettore Fieramosca che, fuori di sé per la tragedia capitatagli, si era precipitato nel precipizio.

Copyright © 2009-2014 Zeroassoluto - La guida web del tuo tempo libero - Testata n.5/05 registrata presso il Tribunale di Trani il 21/04/05 - Tutti i diritti sono riservati - P.I. 06295250721