Onorevole Mastella

a cura di Francesca Dargenio | dicembre 14 | sfoglia l'archivio della rubrica
Onorevole Mastella
Ringraziamo l'On. Mastella per averci dedicato il tempo di qualche riflessione, sperando nell'impegno della classe politica affinché ci sia un futuro concreto anche per noi.

ONOREVOLE LEI VUOLE RIPARTIRE DAI GIOVANI E DAL NOSTRO TERRITORIOANCHE GRAZIE ALLA PRESENZA DI FLAVIO BASILE, DA EX MINISTRO DEL LAVORO CHE FUTURO VEDE PER I GIOVANI?
Oramai c'è un dato di cui bisognerebbe tener conto: per i giovani vale quello che vale per la diseconomia che attraversa l'Europa oggi; o c'è un'economia concordata con tutta l'Europa per quanto riguarda la crescita e i giovani, se no se c'è un ripiegamento nelle proprie realtà c'è un insufficienza e un affaticamento da cui non se ne esce. La complessità della situazione spinge a richiedere più Europa, però non soltanto sul piano monetario, ma anche su quello politico ritornando a quello che fu elaborato. Il piano deroghe infatti riguardava i giovani e in particolare quelli in situazioni di precariato, bisognerebbe riprenderlo ma con un elemento aggiuntivo che vale in Italia in particolare, ma anche altrove, cioè non limitarsi alla difesa di coloro che sono già nel mondo del lavoro, anche se precari, ma lavorare per la difesa di coloro i quali al mondo del lavoro non riescono ad arrivare.

CHE SI DICE IN EUROPA DELLA TECNOCRAZIA ITALIANA?
Le devo dire che io sono uno che è stato personalmente contrario alla tecnocrazia, però devo anche riconoscere in coscienza che Monti a Strasburgo aveva fatto un'ottima impressione, nel senso che ha dato l'idea di essere un tecnico applicato alla politica, però ha svolto un compito politico con grande eleganza e questo è stato molto apprezzato. 
Copyright © 2009-2014 Zeroassoluto - La guida web del tuo tempo libero - Testata n.5/05 registrata presso il Tribunale di Trani il 21/04/05 - Tutti i diritti sono riservati - P.I. 06295250721